1029 Vincenzo Cimini Articoli
12 agosto, 2019

I sustainable development goals e gli obiettivi per un futuro ecosostenibile

Il 2030 sarà un anno cruciale per il mondo. Nel 2030 potremmo fermarci e fare un bilancio del nostro operato in merito alle iniziative e alle attività intraprese in materia di sostenibilità ecologia e benessere dell’uomo.

Nel 2015 gli Stati membri delle Nazioni Unite hanno scritto, firmato e condiviso un modello, l’Agenda 2030, creato per la pace e la prosperità delle persone e del pianeta, per il presente e in vista del futuro. Al centro ci sono i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS) e i 169 sotto-obiettivi, che sono un invito urgente all'azione da parte di tutti i paesi, sviluppati e in via di sviluppo, ad un partenariato globale. Devono andare di pari passo con strategie che migliorano la salute e l'istruzione, riducono la disuguaglianza e stimolano la crescita economica, affrontando i cambiamenti climatici e lavorando per preservare oceani e foreste[1].

Gli OSS hanno validità universale (ovvero, ogni Paese deve fornire il proprio contributo al raggiungimento degli obiettivi) e si basano su decenni di lavoro tra i singoli Stati e le Nazioni Unite, in collaborazione con il Dipartimento delle Nazioni Unite per gli Affari Economici e Sociali.

Nel giugno 1992, all’Earth Summit tenuto a Rio de Janeiro, in Brasile, oltre 178 Paesi hanno adottato l'Agenda 21, un piano d'azione globale per lo sviluppo sostenibile al fine di migliorare la vita umana e proteggere l'ambiente. Nel 2000 gli Stati membri hanno adottato all'unanimità la dichiarazione al Millennium Summit che si è svolto presso la sede delle Nazioni Unite a New York e ha portato all'elaborazione di otto obiettivi di sviluppo (OSM) per ridurre la povertà estrema entro il 2015.

La dichiarazione di Johannesburg e il piano di attuazione adottati al vertice mondiale sullo sviluppo sostenibile in Sudafrica nel 2002, hanno ribadito gli impegni della comunità globale nei confronti della povertà e dell'ambiente.

Alla conferenza delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile (Rio + 20) a Rio de Janeiro del 2012, gli Stati hanno adottato il documento finale "The Future We Want".

Nel 2013, l'Assemblea generale ha istituito un gruppo di lavoro aperto composto da 30 membri per sviluppare una proposta sugli OSS e nel 2015 ha avviato il processo di negoziazione nell'agenda di sviluppo post 2015. Il processo è culminato nell'Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, con 17 SDG al centro, al vertice delle Nazioni Unite sullo sviluppo sostenibile di settembre 2015.

Quello è stato un anno di riferimento per il multilateralismo e la definizione delle politiche internazionali, con l'adozione di numerosi importanti accordi: Sendai Framework for Disaster Risk Reduction; l’agenda di azione di Addis Abeba sul finanziamento dello sviluppo.

I 17 SDG prevedono nello specifico di: porre fine a ogni forma di povertà nel mondo; porre fine alla fame, raggiungere la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e promuovere un’agricoltura sostenibile; assicurare la salute e il benessere per tutti e per tutte le età; fornire un’educazione di qualità, equa e inclusiva, e oportuità di apprendimento per tutti; raggiungere l’uguaglianza di genere ed emancipare tutte le donne e le ragazze; garantire a tutti la disponibilità e la gestione sostenibile dell’acqua e delle strutture igenico-sanitarie; assicurare a tutti l’accesso a sistemi di energia economici, affidabili, sostenibili e moderni; prmuovere una crescita economica duratura, inclusiva e sostenibile, la piena e produttiva occupazione e un lavoro dignitoso per tutti; infrastrutture resistenti, industrializzazione sostenibile e innovazione; ridurre le disuguaglianze; rendere le città e gli insediamenti umani inclusivi, sicuri, duraturi e sostenibili; garantire modelli sostenibili di produzione e consumo, promuovere azioni, a tutti i livelli, per combattere i cambiamenti climatici; conservare e utilizzare in modo durevole gli oceani, i mari e le risorse marine per uno sviluppo sostenibile; proteggere, ripristinare e favorire un uso sostnibile dell’ecosistema terrestre; pace giustizia e istituzioni forti; rafforzare i mezzi di attuazione degli obiettivi e rinnovare il partenariato mondiale per lo sviluppo sostenibile.

Ottenere dei miglioramenti per il raggiungimento degli obiettivi nel giro di quindici anni non sarà un’impresa facile. Ma la precedente esperienza, fondata su degli obiettivi globali prefissati, ci ha dimostrato che è un metodo che funziona. Gli Obiettivi per lo sviluppo del Millennio del 2020 hanno migliorato le vite di milioni di persone. La povertà globale continua a decrescere; sempre più persone si sono viste garantire l'accesso a fonti migliori d'acqua; un maggior numero di  bambini frequenta le scuole elementari; e una serie d'investimenti mirati alla lotta contro la malaria, l'Aids e la tubercolosi hanno salvato milioni di persone[2].

Oggi, la divisione per gli obiettivi di sviluppo sostenibile (DSDG) del Dipartimento per gli affari economici e sociali delle Nazioni Unite (UNDESA) fornisce un sostegno sostanziale e lo sviluppo di capacità per gli OSS e le relative problematiche, tra cui acqua, energia, clima, oceani, urbanizzazione, trasporti, scienza e tecnologia. Il DSDG svolge un ruolo chiave nella valutazione dell'attuazione a livello di sistema delle Nazioni Unite dell'Agenda 2030 e sulle attività di patrocinio relative agli OSS. Al fine di trasformare in realtà l'agenda 2030, l'ampia proprietà degli OSS deve tradursi in un forte impegno nei confronti delle parti interessate per attuare gli obiettivi globali.

Vincenzo Cimini

[1] Per approfondimenti consultare la piattaforma informativa del sito dell’ONU alla voce Sustainable Development Goals (https://sustainabledevelopment.un.org/?menu=1300).

[2] Obiettivi di sviluppo sostenibile, Agenzia italiana per la cooperazione allo sviluppo (https://www.aics.gov.it/home-ita/settori/obiettivi-di-sviluppo-sostenibile-sdgs/).